Data Journalism, Mappe

La strage di Charlie Hebdo e twitter. Il caso di #JeSuisCharlie

B607i6nCMAANCk5

L’agguato a Charlie Hebdo

Nella mattina di ieri, mercoledì 7 gennaio, due persone ben armate hanno fatto irruzione nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo con due Ak-107 e hanno fatto fuoco. Il bilancio è stato di 12 morti.
Subito è partita un’onda emotiva che ha richiamato in piazza migliaia di persone in Francia e in altre parti del mondo. (Qui una raccolta di immagini realizzata da Livia Liberatore)

B6zM8FzIAAALvcw

Anche i social si sono fatti portatori di questa “onda” con l’hashtag #JeSuisCharlie. Attraverso il volume di dati è stato possibile realizzare una mappa con i tweet dalle 13 di mercoledì fino alle 20, quando c’è stato il culmine delle manifestazioni.

Un po’ di numeri

B6xNJLKCEAAXQcT

Ma in numeri di quanti tweet stiamo parlando? Secondo il calcolo di Twitter Data alle 19 e 15 di ieri erano stati twittati oltre 2.1 milioni di tweet con l’hashtag #JeSuisCharlie, con un volume di oltre 4 mila tweet al minuto.

[AGGIORNAMENTO 11 Gennaio]

Nel giro di un solo giorno l’hashtag #JeSuisCharlie ha fatto segnare numeri da record diventando uno dei più popolari della storia di twitter. In 24 ore è stato twittato oltre 6.500 volte al minuto per un totale di 3.4 milioni di tweet

[nota: i tweet della mappa sono solo i tweet geolocalizzati. Mentre quelli conteggiati da twitter data sono complessivi]

Standard
Data Journalism, Infografiche, Mappe

Globalizzazione del crimine: tutte le vie dei mercati illegali

 Il grande mercato

globcrim

Nel mondo globalizzato, si sa, le merci si muovono. Nel mondo globalizzato, però, viaggiano pure le merci illegali. L’ufficio ONU per il controllo delle droghe e dei crimini ha diffuso una corposa ricerca sulla “globalizzazione della criminalità”.
Vox nello specifico riporta una mappa che indica quali sono le principali rotte dei traffici illegali e quali sono i “prodotti” coinvolti. Quasi tutti sono portati a pensare che il mercato più grande sia quello della droga ma in realtà il movimento di “beni” illegali è molto più vasto. Oltre a eroina e cocaina c’è un florido mercato che va dalle armi da fuoco fino agli animali in via di estinzione. Ma ci sono anche minerali come oro e cassiterite. Non va dimenticato anche il grande business degli esseri umani, dalle migrazioni forzate fino al traffico di donne.

Tutto questo traffico ha due aspetti di grande rilevanza

Continua a leggere

Standard
Data Journalism, Mappe

La decisione della Corte di Ferguson e le reazioni su twitter

 Alla fine il Gran Giurì ha deciso che Darren Wilson non dovrà essere processato per l’omicidio del giovane afroamericano Michael Brown avvenuto lo scorso 9 agosto. Secondo la ricostruzione dei fatti avallata dai giudici della corte (9 bianchi e 3 di colore) l’agente Wilson avrebbe agito esclusivamente per legittima difesa. La scelta di non processare Wilson, comunque molto insolita, ha scatenato durissime reazioni, anche sui social.

Continua a leggere

Standard
Data Journalism, Infografiche, Mappe

I data journalist sono i nuovi mediatori?

Un mondo di dati

odg

“La verità è la fuori” (cit.)

In realtà non esistono verità con la V maiuscola. Esistono però montagne di dati (big data?) in giro per la rete che aspettano solo di essere trovati ed elaborati con cura, dando visioni chiare e originali sulla realtà che ci circonda.
Prima però di spiegare cosa spero con i post di questo blog meglio meglio partire dai dubbi.

Continua a leggere

Standard